Tab social
Spazio Soci
Facebook
Twitter
Youtube
 
Titolo

News

 
22/02/2017 News
CrediFriuli, l’utile 2016 supera i 6,8 milioni di euro

Anche quest’anno si rafforzano il patrimonio e la solidità della banca

 

Anche quest’anno CrediFriuli archivia un anno contrassegnato da risultati molto positivi. L’utile netto, infatti, ha superato i 6,8 milioni di euro (+6,6 per cento), con le commissioni nette salite del 2,5%. Nel medesimo periodo, la raccolta segna quota 1.178 milioni di euro (+5,09 per cento), risultato possibile sia grazie all’incremento della raccolta diretta, che ha superato i 769 milioni di euro (+2,53 per cento), che soprattutto a quello conseguito dalla raccolta indiretta (+10,28 per cento), dove si registra una notevole crescita del risparmio gestito, dovuta, tra le altre voci, dallo straordinario +70 per cento segnato dal comparto assicurativo-finanziario.
«Stiamo affrontando questa fase che ci porta verso la riforma, con la convinzione di arrivarci con i conti in super ordine ma anche con le idee chiare sul modello di sviluppo che riteniamo sostenibile e sul quale ci stiamo confrontando con le candidate capogruppo – sottolinea il presidente, Luciano Sartoretti ».
Pur in un contesto caratterizzato da un ciclo economico molto debole, sono cresciute anche le masse amministrate, che raggiungono i 1.895 milioni di euro, con gli impieghi che salgono a oltre 717 milioni di euro (+5,23 per cento), soprattutto grazie al boom vissuto dai mutui casa, le cui nuove erogazioni sono state un totale di 549 per circa 59 milioni di euro, ma anche grazie al +15 per cento registrato dai finanziamenti alle imprese, per un importo pari a 121 milioni di euro. Un ottimo risultato, inoltre, è stato ottenuto anche in termini di apertura di nuovi conti correnti (oltre 1.400) e nella Bancassicurazione, settore che ha visto CrediFriuli, con le 4.269 nuove polizze emesse nel 2016, raggiungere le 16.200 polizze totali contrattualizzate, per un volume di premi pari a 83,5 milioni di euro.
«Archiviamo un altro anno di risultati particolarmente soddisfacenti – aggiunge il direttore generale, Gilberto Noacco – che, come d’abitudine, abbina a buoni indicatori in termini di redditività e produttività, una politica fatta di scelte prudenti, che si riscontrano nell’ elevata copertura del credito deteriorato e nel rafforzamento del patrimonio, che, a fine esercizio, ha superato i 119 milioni di euro. A tal proposito, inoltre, ricordiamo che la nostra Banca si colloca ai più alti livelli su scala nazionale in relazione alla misura consistente degli accantonamenti sui crediti deteriorati (59,31 per cento). Come di assoluta garanzia, a testimonianza della solidita’ della banca, e’ il valore registrato dal CET1, che ha raggiunto il 18,97 per cento.».
CrediFriuli, quindi, si conferma una banca solida e sana, in grado di sostenere efficacemente i suoi 8.200 soci (+ 911 in un anno, al netto degli usciti), gli oltre 35.000 clienti e le tante comunità in cui è presente che, nel corso del 2016, sono state beneficiarie di oltre 450 mila euro destinati a sostenere più di 500 interventi legati alle numerose parrocchie e realtà associative presenti sul territorio.
«E’ con queste ottime premesse – conclude il presidente, Luciano Sartoretti – che, nella prossima assemblea di approvazione del bilancio, fissata per il 21 maggio, porteremo all’esame dei nostri soci anche l’orientamento del Consiglio di Amministrazione in relazione alla Capogruppo a cui aderire, scelta che attualmente è in fase di approfondimento e valutazione».

CSS Extra